Guai con la privacy proprio nel “GDPR day”: una gigantesca falla nel portale delle imprese ha permesso a chiunque di scaricare 6 milioni di dati personali